Aumentano i download dell’app di contact tracing: perché è fondamentale installare Immuni sul proprio smartphone

Author: Redazione

La costante crescita di nuovi casi di Covid-19 nelle ultime settimane ha portato a un incremento dei download di Immuni, l’app di contact tracing lanciata dal governo italiano lo scorso giugno. Le installazioni dell’app salgono così a quota 7.264.257, superando i recenti dati del 2 ottobre che vedevano 6.679.118 download.

Si tratta di un numero pari al 18% dei dispositivi attivi nel nostro Paese, una percentuale ancora troppo bassa per raggiungere i livelli utili per il contenimento della pandemia. Ad oggi, l’applicazione ha inviato 6.270 notifiche e, al momento, solo 369 utenti positivi hanno caricato i propri codici di riferimento, permettendo all’app di avvisare gli utenti con i quali erano entrati in contatto del rischio di un possibile contagio.

Cos’è Immuni e come funziona

 

Immuni è l’app di contact tracing per il tracciamento dei casi di Covid-19 in Italia, progettata da Bending Spoons e vincitrice del bando rapido (fast call) “Innova per l’Italia” indetto dal Ministero per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione, in collaborazione con il Ministero della salute, il 24 marzo 2020.

Ogni utente, attraverso l’app, può segnalare di essere risultato positivo al Covid-19, dopo aver effettuato gli appositi esami e aver ricevuto l’esito. A seguito della segnalazione (tramite caricamento su Immuni del proprio codice di riferimento), l’app notifica il possibile rischio di contagio a tutti gli utenti che sono venuti a contatto con l’utente positivo, inviando un messaggio di allerta che include una serie di indicazioni su come gestire la situazione in modo sicuro, per sé stessi e per gli altri.

È importante sottolineare che Immuni non raccoglie dati sensibili degli utenti e che, per determinare il contatto, sfrutta la tecnologia Bluetooth Low Energy. Quindi, non utilizza dati di geolocalizzazione di alcun genere, inclusi quelli del GPS.

dati app immuni

Perché oggi è fondamentale scaricare Immuni

 

Sebbene l’aumento dei download di Immuni rappresenti un dato incoraggiante, gli utenti che hanno installato l’app sul proprio smartphone sono ancora pochi.

I contagi in Italia continuano a salire e il rischio di ritrovarsi nuovamente in una situazione critica a causa del Coronavirus è molto alto.

Come riportato dalla testata giornalistica Open, l’app potrebbe avere una reale efficacia per tracciare i contagi solo se scaricata e attivata almeno dal 20% della popolazione italiana, circa 12 milioni di persone

Una soglia minima che, però, deve tener conto anche di un altro dato: la capillarità sul territorio nazionale. Anche se il numero di download resta basso, l’applicazione può rivelarsi comunque efficace, se diffusa nei luoghi in cui si registrano più contagi.

Al di là di questioni legate ai numeri, scaricare Immuni oggi è un dovere civico, per la tutela di sé stessi e degli altri. Di fronte al pericolo di una crisi sanitaria ed economica di proporzioni mondiali, non si può fare a meno di uno strumento che, se utilizzato in modo collettivo, può realmente rappresentare un’arma nella lotta contro il Covid-19.

descrizione di come funziona app contact tracing immuni
Contattaci per scoprire tutte le news e i servizi di ThinkOpen

*I dati raccolti verranno trattati secondo la nostra informativa